“Where’s the revolution”, il ritorno dei “DEPECHE MODE”

 In NEWS

Where’s the revolution/Come on people you’re letting me down” (“dov’è la rivoluzione. Su, gente, mi state deludendo”), canta Dave Gahan in “Where’s The Revolution”, il brano che ha anticipato l’album ed il ritorno dei “DEPECHE MODE”,  pionieri dell’elettronica dopo quattro anni di silenzio discografico.  Il disco è uscito in tutto il mondo il 17 marzo per Columbia Records in versione standard (fisica e digitale) con 12 brani ed in una versione deluxe in doppio CD contenente uno speciale booklet di 28 pagine con foto e artwork esclusivi e 5 remix realizzati da Depeche Mode, Matrixxman e Kurt Uenala, chiamati “Jungle Spirit Mixes”.
“Spirit” uscirà anche in versione doppio vinile 180 g, che conterrà l’album standard su 3 facciate e una speciale serigrafia di “Spirit” stampata sulla quarta facciata. L’artwork e le fotografie che accompagnano l’album sono state realizzate da Anton Corbijn, celebre film-maker e collaboratore storico della band.

“Spirit”, che rappresenta la prima collaborazione dei Depeche Mode con James Ford dei “Simian Mobile Disco” (Foals, Florence & The Machine, Arctic Monkeys), è il seguito di “Delta Machine”, fortunatissimo album del 2013 che aveva debuttato al numero 1 delle classifiche in 12 paesi. Q Magazine l’ha definito “l’album più energico dei Depeche Mode da molti anni a questa parte”.

Dave Gahan ha dichiarato: “Siamo estremamente orgogliosi di Spirit e non vediamo l’ora di farlo sentire a tutti. Con James Ford e il resto del team di produzione abbiamo realizzato un album che trovo davvero potente, tanto a livello di sound quanto di messaggio”.

I Depeche Mode presenteranno il nuovo disco con un grande tour mondiale che inizierà il 5 maggio a Stoccolma e proseguirà negli stadi europei prima di arrivare in Nord America e Sud America dopo l’estate.

E’ il caso di dire: #stytuned

Altri articoli